ELENCO CATEGORIE

Approfondimenti

Canon Eos 1D Mark IV - sotto la scocca

 
Abbiamo già dedicato un focus al nuovo sensore della Canon EOS 1D Mark IV, che presenta rispetto alle precedenti una rilevante riduzione del rumore - il principale minus dei sensori CMOS rispetto ai CCD.

Ora vogliamo andare invece nel dettaglio di altre rilevanti tecnologie nascoste sotto la robusta scocca di questa reflex professionale.




Autofocus: AI Servo II
L’autofocus AI Servo usa una forma di intelligenza artificiale (AI) per determinare la velocità e la direzione di soggetti in movimento, quindi focheggia l’obiettivo su una futura posizione calcolata (funzione di messa a fuoco predittiva) per ottenere una foto nitida.
Considerando l’importanza dell’AI Servo sulle moderne fotocamere ad alta velocità, il sistema autofocus di EOS-1D Mark IV è stato ulteriormente migliorato ed è in grado di inseguire accuratamente una varietà di soggetti che si spostano a differenti velocità e distanze. L’inseguimento e la messa a fuoco di soggetti macro sono stati resi possibili velocizzando tutto il processo.
AI Servo II migliora le seguenti caratteristiche:

• Pilotaggio stabile dell’obiettivo – Nell’uso normale, l’algoritmo AI Servo effettua i calcoli e in base ai risultati istruisce l’obiettivo sulla posizione di messa a fuoco. Ora, se l’algoritmo fornisce due risultati uno di seguito all’altro molto diversi (per esempio, il soggetto cambia direzione rapidamente e non si trova dove il sistema si
aspetta che sia), il calcolo viene ignorato e il sistema attende prima di istruire l’obiettivo fino a che i due risultati coincidono. Ciò significa che gli eventuali errori di valutazione non provocano inaspettati fuori fuoco.

• Inseguimento sicuro del soggetto – Se viene intercettato un ostacolo o se il punto AF non è mantenuto sul soggetto, l’inseguimento continua in base all’ultima traiettoria conosciuta immediatamente prima dell’interruzione.

• Pilotaggio moderato dell’obiettivo – Se vi è una radicale mutazione della distanza di messa a fuoco, l’obiettivo non viene focheggiato immediatamente a quel valore, ma viene regolato lentamente in base agli ultimi risultati predittivi. Ciò significa che se l’inquadratura passa dal soggetto allo sfondo per un limitato periodo di tempo, l’obiettivo non passa immediatamente alla messa a fuoco dello sfondo.

• Controllo predittivo con risposta rapida – Il sistema è ora in grado di effettuare una messa a fuoco predittiva non appena il soggetto comincia a muoversi e non vi è ritardo prima dell’inizio dell’inseguimento.


Picture Style
Le impostazioni Picture Style semplificano il controllo "in camera" della qualità delle immagini.
Esse possono essere paragonate ai diversi tipi di pellicola, ognuno dei quali fornisce un effetto differente. Per ogni Picture Style selezionabile, il fotografo ha il controllo su nitidezza, contrasto, tono colore e saturazione. La configurazione di default della fotocamera consente di utilizzare subito le immagini in formato JPEG, senza ricorrere ad altre impostazioni del menu. Le impostazioni Picture Style applicate alle immagini RAW possono essere modificate successivamente con il software Digital Photo Professional Canon.
Le sei impostazioni includono:

• Standard - per immagini vivaci e nitide
• Ritratto - ottimizza il tono colore e la saturazione, per ottenere tonalità della pelle gradevoli
• Paesaggio - per tonalità di verde e blu accese, per conferire a montagne, alberi e profili degli edifici contorni decisi
• Neutro - ideale per la post-elaborazione
• Fedele - regola il colore per abbinarlo a quelli del soggetto, per scatti con una temperatura colore di 5200K
• Monocromatico - per scatti in bianco e nero con un'ampia gamma di effetti filtro (giallo, arancione, rosso e verde) ed effetti cromatici (seppia, blu, viola e verde).

Con EOS-1D Mark IV, le nuove impostazioni Picture Style forniscono una maggiore nitidezza (sharpening) per offrire al fotografo file già pronti per la stampa. Ciò vale per tutte le preselezioni tranne Fedele e Neutro.

Auto Lighting Optimizer
Auto Lighting Optimizer (ALO) ottimizza automaticamente la luminosità e il contrasto delle immagini sottoesposte, a basso contrasto e in controluce grazie anche alla tecnologia Face Detection. Con l'elaborazione delle immagini a basso rumore e gli algoritmi correttivi di DIGIC 4, la compensazione viene apportata senza compromettere la naturale gradazione tonale. Per ogni immagine possono essere applicati 3 diversi livelli di correzione.
Il sistema può anche essere disinserito. Con EOS-1D Mark IV il sistema opera anche in esposizione manuale e in posa B. La correzione si basa sull'esposizione impostata dall'utente ed è efficace specialmente in controluce quando il soggetto è scuro. Tipicamente, se l'esposizione è resa più luminosa sul soggetto, lo sfondo può risultare sovraesposto: grazie ad Auto Lighting Optimizer, sia il soggetto sia lo sfondo saranno esposti correttamente. Il sistema può anche essere disinserito.


Articoli o termini correlati